Pulizia e manutenzione della passeggiata

Sestri Levante, passeggiata a mare: siamo sicuri che sia un luogo dove camminare tranquilli, senza paura di cadere?

2017-8-29-stato-passeggiata-2La realtà non è assolutamente quella. Già la scelta della pavimentazione aveva suscitato molte proteste. Si cammina male rischiando continuamente di inciamparsi. Se poi non esiste manutenzione e i lavori erano stati eseguiti male e con pessimo materiale il risultato non può 2017-8-29-stato-passeggiata-1che essere negativo

La pulizia delle strade: la passeggiata delle meraviglie

Sestri Levante, città del turismo e dell’accoglienza. Come ci piacerebbe che fosse così.

 2017-8-29-stato-passeggiata-6Invece continuano a piovere segnalazioni sulla sempre crescente sporcizia che caratterizza la città . Anche l’incuria e la mancata manutenzione di luoghi che dovrebbero essere un biglietto da visita contribuiscono a rendere questa città un nebbioso ricordo di ciò che era. Sembra che uno sia molto anziano e aggrappato ai ricordi. Non è così. Le segnalazioni vengono dai giovani, da persone che vorrebbero godere di ciò che la natura ha regalato e l’uomo, fino a un certo punto, ha valorizzato.

Ecco la passeggiata a mare, fotografata verso l’Ottagono e oltre. Le foto sono la testimonianza più eloquente. Sestri rischia di 2017-8-29-stato-passeggiata-5essere relegata a città infrequentabile da chi magari l’ha sempre amata e considerata una perla. Quando si guardano le foto del paesaggio o di qualche tramonto non si può fare a meno di innamorarsene. Poi la realtà è come uno schiaffone dato che lascia assolutamente sbigottiti e senza fiato

Ma chi farà la manutenzione del Nuovo parco Mandela?

Ormai la disillusione regna sovrana. Ampliare gli spazi verdi è, in teoria, meritorio e volto a migliorare la vita di cittadini. Ma ormai le segnalazioni negative non si contano più. È vero che ci stanno facendo credere che i gestori delle attività inserite nel nuovo Parco Mandela si faranno carico della manutenzione del verde. (Ma i gestori avranno in carico solo due piccole parti de parco, quelle tratteggiate in rosso. E il resto?) Ma come faranno nei mesi in cui, volenti o nolenti, l’affluenza sarà molto scarsa? Teniamo conto  che le due attività proposte e per cui è stato emanato un bando sono rivolte ai bambini. Ma in inverno, a parte i problemi legati al tempo atmosferico, i bambini vanno a scuola e quindi hanno ben poco tempo a disposizione nel pomeriggio, le giornate sono più corte e ……….. come faranno i gestori a incassare abbastanza per sobbarcarsi l’onere della manutenzione? Le due attività proposte sono il circuito di enduro (pump track) e il percorso avventura sui poveri miseri pini esistenti. Il resto del parco chi lo curerà? Quando ci saranno spettacoli (ci sono ben due palchi) chi riparerà i danni ovvi che già solo il calpestio di tante persone comporta? Non possono certo obbligare tutti ad andare con scarpe da ginnastica!!! I tacchi delle scarpe possono rovinare completamente il fondo della pista di atletica, di salto in alto e di salto in lungo, senza nessun comportamento scorretto!! E allora?

A PAGARE SARANNO SEMPRE E SOLO I CITTADINI

nuovo-parco-mandela-5-8-2017-figura

SE NON VE LO DICONO LORO VE LO DICIAMO NOI

Nei Precedenti due articoli si sono riportati due interventi fatti negli ultimi due Consigli comunali e relativi al Bilancio, sia a quello di previsione (che per altro  è stato discusso 30 giorni prima di quello consuntivo (!!!!?)

Troppo spesso l’opposizione è accusata di non fare abbastanza per il bene della città. Per questo è stato scelto di riportare integralmente entrambi gli interventi. Infatti è convinzione che sia necessario che i cittadini siano pienamente a conoscenza di quello che accade al chiuso dell’aula consiliare. Troppo pochi sono coloro che hanno la possibilità di andare ad assistervi.

Ma soprattutto è importante che tutti abbiano la possibilità di conoscere lo stato dei fatti sui bilanci perchè da questi, in fondo,  di  pende il futuro della vita di questa città.

E allora: SE NON VE LO DICONO LORO  VE LO DICIAMO NOI

Il 30 marzo si è svolto il Consiglio Comunale relativo all’approvazione del Bilancio di previsione triennale.

bilancioanalisiMa, ben un mese dopo, il 28 aprile 2017 si è svolto il Consiglio Comunale relativo all’approvazione del Bilancio consuntivo 2016.

È vero che la legge lo permette ma approvare il bilancio di previsione prima del consuntivo lascia molto perplessi.

Gli amministratori di qualsiasi azienda sarebbero immediatamente licenziati anche se solo proponessero un simile calendario.

I consiglieri si sono trovati a dover valutare quindi il bilancio di previsione non avendo potuto esaminare quello consuntivo!!!!  Compito assurdo 15-giorninon potendosi basare su qualcosa di concreto. Ed avendo solo 15 giorni a disposizione per esaminare un migliaio di pagine

La manutenzione del Parco Mandela

In questo periodo parliamo tanto dell’ampliamento del Parco Mandela con la odiata chiusura della via Aurelia. Molti esaltano i benefici che verranno dall’avere un parco così grande e nessuno è contrario all’importanza del verde per incrementare la qualità della vita di una città. Ma i cosiddetti polmoni verdi, per essere tali, devono avere un numero di alberi 2026-11-30 alberi morti a Parco Mandela (3)elevato, perché questi, con la loro sintesi clorofilliana depurano l’aria. E poi un parco deve essere mantenuto in ottimo stato. Invece i pochi alberi, ad alto fusto, presenti, il più delle volte muoiono miseramente perché non possono crescere dove non hanno terra sufficiente per permettere alle loro radici di assorbire tutto il terreno di cui hanno bisogno. Teniamo anche conto che il Parco Mandela è stato costruito su quella che viene definita la “Collina dei veleni” Lì sotto sono stati infatti seppelliti tutti i veleni della FIT. Non sono infatti mai stati portati in discarica attrezzata, ma sono stati sepolti sotto la collina e la copertura in PVC si trova a una Collina dei veleni ritaglio schiaritaprofondità media di poco più di un metro. I piezometri sistemati per il controllo sono sempre in perfetta efficienza? I monitoraggi sono fatti secondo le raccomandazioni dell’Arpal e dell’ASL? Lì i nostri bambini corrono felici e spesso, per risalire la collina accanto allo scivolo, non usano le scale, ma corrono sul prato. Alcuni cittadini hanno notato come i solchi, che corrono accanto allo scivolo, stiano divenendo più profondi e si sono allarmati. Sembra una giusta segnalazione fatta da chi conosce bene la storia di quei terreni e ha qualche perplessità su quanto sia salutare per i bimbi giocare spensieratamente lì.

Quando una città è preda degli avidi e questi non ci sono dubbi, lo sono.

FIT 4Molta disinformazione è passata sulla pelle di Sestri Levante e, altrettanti affari privati sono andati a buon fine da quando, (con l’impegno di compiacenti politici e sindacalisti, anche nostrani), la FIT venne affidata come proprietà da dismettere, con annessa valigiata di miliardi di lire al Sig. Arvedi.
Le ripetute dichiarazioni ingannevoli dell’Amministrazione Comunale non sono moralmente né ammissibili né scusabili.
Sulla scrivania del Sindaco evidentemente, la Costituzione non trova spazio come invece sul nostro tavolo, dove non è quasi mai chiusa. Ci permettiamo, quindicostituzione_italiana, di ricordare a cotanto rappresentante dello Stato, che tra i 139 articoli più le note, di andarsi a leggere almeno gli articoli 41 e 42; troverà sufficienti strumenti per opporre una efficace resistenza alle aggressioni speculative dei soliti cementificatori.
Al Sindaco che, due per tre, denuncia la Sua inutilità invocando una presunta impotenza  possiamo dire con Peter Medawar  “Si possono scusare gli autori di dichiarazioni e di atti compiuti in malafede, solo se si pensa che, prima, si siano dati gran cura di ingannare se stessi”.

Noi non soffrendo  di subalternità davanti al padrone delle ferriere tanto che gli consigliamo: Sig. Arvedi, dopo il disastro che ha procurato alla città di Sestri Levante, con i suoi trecentomila euro  ci si può fare un impacco,  quindi vogliamo ricordare che: in data 29 Ottobre 2010 la maggioranza, “di cui era assessore certa Ghio Valentina” approvò la famosa delibera 87 che prevedeva la realizzazione di una nuova autorimessa interrata su più piani per oltre trecento box, la rinaturalizzazione di via Fascie (chiusura dell’Aurelia), la non realizzazione del collettore fognario per il tratto piazza Bo – Portobello e la costruzione di nuovi edifici, uno tra la Coop e gli uffici dell’anagrafe e uno nell’area denominata UA4  tra il distributore della ESSO ed primo lotto, “dove alcuni giorni fa è comparso il cartello con permesso a costruire.
CC 2011-031 - Revoca delibera liare n. 87 del 29.10.2010 (1) 1
La delibera 87 fu oggetto di richiesta referendaria  il cui procedimento venne interrotto dalla Giunta Comunale e dalla Maggioranza Consigliare, in cui  l’attuale Sindaco aveva ruolo di assessore, che provvidero al ritiro della delibera 87 cancellandola, impedendo ai cittadini di esprimersi, e che per reazione dal Sig. Arvedi piovvero ben tre ricorsi al TAR tutt’oggi in corso.
Ergo, allora, se si vuole, si può ritirare un documento approvato e fare una variante che preveda altro.
Un comprensivo invito e niente di più, al leader dei venti cicisbei a ricordare quando la Sua inventiva definì appropriatamente tal parco2026-11-30 alberi morti a Parco Mandela (2) Mandela “collina dei veleni” e le pulci che fece al numero assolutamente misero di alberature previste, e alla pretesa, rivestendo ruolo di presidenza che il Comitato per Sestri Levante, condividesse  il Suo trionfalismo per una vittoria che alla prova dei  fatti non è mai esistita e la ventina, più parcheggiatori che sostenitori di un parco, non ricordano nel Loro scritto la ulteriore colata di cemento al seguito di quella realizzata con indice maggiorato da 0,7 a 1 per dare al Sig. Arvedi la possibilità di recuperare i 6,5 miliardi di lire necessarie per portare la terra inquinata a discarica attrezzata, solo che con la benevolenza, pare disinteressata, di Regione, Provincia e Comune la terra velenosa finì a formare la famosa collina con una spesa di 867.725,00 lire, il
risparmio risultò essere di circa 6 miliardi di lire, ma l’indice rimase 1.

2017-01-31  via Bozzano (7)
Dalla documentazione a tutti consultabile risulta che: la tipologia degli edifici doveva rispecchiare quella tipica del borgo ligure. Ai bravi architetti ambientalisti pare che tutto corrisponda?
Cosa dire della violazione delle regole che la maggioranza stessa si è data nel regolamento per lo svolgimento dei referendum all’articolo 12 comma 3 lettera b) “venga assunto un provvedimento che risulti di per se idoneo a soddisfare le istanze sottese all’iniziativa popolare”  e comma 5 “ la deliberazione di cui alla lettera b) non produce i propri effetti fino a che non sia depositato nella Segreteria del Comune un atto di integrale accettazione della stessa, sottoscritto dal legale rappresentante del Comitato Promotore.

L’accettazione deve intervenire entro trenta giorni dalla data di adozione della deliberazione consigliare: in mancanza, la stessa si considera priva di efficacia”
e tale accettazione non c’è mai stata.
Perché su un’area di PRU “Scaduto” che è una variante al P.U.C. non si è intervenuti per impedire interventi in regime ordinario?
Agatha Christie direbbe: “un indizio è solo un indizio, due indizi sono una coincidenza, tre indizi sono una prova, e qui per dire che dal 1995, sia stato usato il più spietato utilitarismo a spese di Sestri Levante, di indizi ce ne sono molti.”

 

ASPETTANDO FORREST GUMP


Re Magi Fidal
Abbiamo atteso con ansia e molto a lungo, ed in fine le nostre aspettative sono state premiate: a organi unificati, “non sappiamo se di stampa o fisici” viene Fidal (1)diffuso l’altissimo parere della Olimpica FIDAL.

Chi meglio di simili Dei può esprimersi a proposito del nuovo progetto di sviluppo dell’economia della città di Sestri Levante, conoscendone appieno le potenzialità e le esigenze?
Evidentemente, dai  Magi nostrani  sono state  portate alle Supreme Altezze informazioni  che stimano in sterminate folle gli sgambettatori desiderosi di calpestare e saltellare, “a pagamento?” Speriamo invece  a spese della collettività e giusta soddisfazione di San Luigino da Lavagnina.

Testamento Olografo Cav Fascie 1Per pura coincidenza mentre i fari di Baden Powell  e Nelson Mandela acquistavano rinnovata luminosità ad opera del Sindaco protempore e dell’Amministrazione tutta, “organi” naturalmente compresi, stavamo leggendo una copia del Testamento Olografo, “di cui ogni Sestrino può chiedercene copia” e lo statuto della Fondazione relativa alla gestione dei beni  del Cav. Vincenzo Fascie, e dal poco che di seguito riportiamo, si può apprendere come ben fatta e giustamente perseguita sia la cancellazione,  non solo del  tratto di viabilità cittadina a Lui impudentemente intitolata, ma anche del ricordo che tale usurpatore  ha nella nostra memoria. (!!!!!)

“Nomino e costituisco mio erede universale il Municipio della mia cara Patria Sestri Levante sotto le condizioni e con  l’obbligo di soddisfare i lavori tutti e legati infraspiegati. in modo che tutte le mie operazioni, commerciali, industriali, risparmi di una vita moderatissima nello scopo sacrosanto di apportare qualche vantaggio industriale di benessere e progresso  alla mia Città natale Sestri Levante…………………
…..Legato  19) Condizioni indiscutibile, sia sempre erede del mio patrimonio di Sestri Levante, la commissione per l’esecuzione delle mie disposizioni  testamentarie, non potrà mai alienare nessuna parte dei miei fabbricati immobili, ma soltanto disporre del reddito netto che produrrà.”

Si convinca quel manipolo di disperati  legati al superato bene comune e comprendano quanto per la Loro  Storia, la Loro identità non ci sia spazio nel futuro, così come non c’è spazio nei piani di una modernizzatrice Renzina Ghio per la principale e distrattamente intitolata via cittadina.

13-01-05 Sestri (55)

la censura vergognosa sul sit-in del 24 dicembre

Il comitato di cittadini ha organizzato un sit-in  per domani 24 dicembre alle ore 10 alla rotonda della COOP contro la chiusura dell’Aurelia, ma soprattutto contro tutti i danni che questa chiusura sta provocando. Ieri il Comitato ha cominciato a distribuire e ad affiggere i volantini perchè tutti possano conoscere questa iniziativa. Bene qualcuno ha dato l’ordine agli spazzini  di rimuovere tutti i volantini del comitato, e di lasciare invece tutti gli altri riferiti a cenoni, festeggiamenti. È una VERGOGNA, una forma di CENSURA ODIOSA che dimostra come l’Amministrazione non ascolti la voce dei cittadini e non permetta loro di esprimersi. Ripropongo qui il volantino. il comitato va avanti con il sostegno di tutti coloro che credono ancora nel diritto di poter esprimere anche il proprio dissenso

SABATO 10 dicembre rosso

Gli effetti dello SMOG sulla salute soprattutto dei bambini

La Repubblica – 21 dicembre 2016

La_Repubblica.it homepage 2

Il giornale “La Repubblica” ha pubblicato un articolo che ci deve far molto meditare, ma soprattutto deve far meditare la nostra Amministrazione Comunale. Creare un maggior traffico in vie densamente popolate vuol dire compiere un reale attentato alla salute dei cittadini.

I risultati di questo studio sono molto preoccupanti

La ricerca si è concentrata, infatti,  sugli effetti degli inquinanti sul corredo genetico dei bambini (a Torino 220). Il 53% dei campioni prelevati presentava almeno un indicatore di una mutazione del DNA: Le analisi mostrano la capacità dei Pm 0,5 (particolato fine) di indurre effetti tossici, mutageni e cancerogeni.

VAL LA PENA RISCHIARE LA SALUTE SOPRATTUTTO DEI  NOSTRI  BAMBINI?

Sestri dovrebbe godere di  una situazione assolutamente privilegiata per clima, salubrità e invece certe vie sono ormai invivibili. Il Sindaco è la massima autorità cittadina cui è demandata la cura della salute dei cittadini. Provvede al suo compito in questo modo?

Ecco il testo integrale dell’articolo:

Torino, troppo smog_ mutazioni del dna per un bambino su due – Repubblica

Giorno per giorno la protesta continua

Ci sono dei cittadini così esasperati dai problemi connessi alla chiusura dell’Aurelia che tutte le notti appendono uno striscione ogni volta diverso. Infatti hanno ampio margine di scelta su quale aspetto mettere in evidenza. E li creano, spendendo tempo e denaro per mostrare tutta la loro esasperazione, la preoccupazione per la salute, soprattutto dei bambini, la loro amarezza. Sul sito del Comune, sulla destra c’era “Città partecipata” un invito ai cittadini a partecipare agli studi sulle varianti del PUC. Per fortuna la casella è scomparsa perché tutti si sentono presi in giro da decisioni prese dall’Amministrazione senza mai consultare i diretti interessati. Ma mentre il sentire il parere dei cittadini coinvolti non fa parte delle attività previste, la rimozione degli striscioni è immediata. Perché tanta solerzia?

IMG-20161213-WA0001IMG-20161213-WA0005

 

 

 

 

 

 

IMG-20161215-WA0001

IMG-20161216-WA0001

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel decantare il progetto di questo meraviglioso parco, che negli spot pubblicitari,  costituirà il polmone verde della città, non si è assolutamente tenuto conto dell’impatto che lo spostamento  del traffico su via Baden Powell e vie limitrofe  ha sulla qualità della vita. Non saranno certo quei pochi alberi previsti (ma ben lontano dalle case) e destinati molti a morte prematura, come già accade nella parte del parco  finita,  che modificheranno la qualità dell’aria!

POLMONE VERDE NO POLMONE NERO

 

Negli anni 60 Caterina Caselli cantava una splendida canzone: “Nessuno mi può giudicare, lo so” i cui primi versi recitano: “la verità mi fa male, lo so” Chissà perché questa canzone è ritornata improvvisamente in mente

Caterina Caselli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’Intervento in Consiglio Comunale sull’Ospedale reso attuale dai problemi connessi alla chiusura dell’Aurelia

Ospedale sestriDurante  il Consiglio Comunale del 25 novembre scorso, uno dei punti all’ordine del giorno era la situazione e la sorte dell’Ospedale di Sestri Levante. L’intervento del Consigliere Scartabelli era stato chiaro e richiamava il Sindaco a uno dei suoi doveri primari: quello della tutela della salute dei cittadini. Ovviamente ben poco è stato recepito dell’intervento anche se la legge parla chiaro. Gli avvenimenti di questi giorni con il traffico caotico che ammorba l’aria e rende la vita molto disagevole a chi vive in quelle zone dimostrano che al Sindaco non importa assolutamente nulla della salute  dei suoi cittadini. L’unica preoccupazione è quella di far levare immediatamente gli striscioni che gli abitanti esasperati appendono. Forse teme che essi si rendano conto fino in fondo delle politiche demenziali portate 2016-12-12 viale Dante ore 17 (1)avanti dalla sua Amministrazione

Ecco il testo dell’intervento letto in Consiglio:
“Ogni volta che, da una questione emergono porcherie si imputa a fantomatici predecessori, (di cui mai si fa il nome) la responsabilità di averle lasciate in eredità.   Forse perché tra predecessori e successori non esiste nessuna differenza.
Qualunque sia la situazione dei nostri amministratori, voglio ricordare che, nell’ordinamento italiano il Sindaco e l’organo monocratico a capo del governo di un comune, e che per l’articolo 50 del Decreto Legislativo 267 del 2000, il Sindaco è l’organo responsabile dell’Amministrazione del Comune; e rappresenta l’Ente;…………….e tra le molte attribuzioni, adotta le ordinanze contingibili e urgenti in caso di emergenze sanitarie o di igiene pubblica anche se solo a carattere esclusivamente locale.
Il Sindaco è quindi AUTORITÀ SANITARIA LOCALE e in questa veste ai sensi dell’articolo 32 della legge 833 del 1978 e dell’articolo 117 del Decreto Legislativo N° 112 del 1998 può emanare ordinanze contingibili e urgenti con efficacia estesa al territorio comunale quando si presentino, condizioni ambientali compromettenti  la sanità e l’igiene pubblica.
Ricordo a Lei Sig sindaco che in data 17 / 11 / 2014, alla richiesta di documentazione riguardante lo stato di salute sul territorio comunale al Consigliere Stagnaro è stato risposto per iscritto, che presso il Suo ufficio non esisteva niente del genere e che la richiesta era stata trasmessa al Direttore Sanitario dell’ASL 4 chiavarese.
In data 13 / 01 / 2015 il Direttore sanitario  Dott. Gaddo Flego comunicava che avevano cominciato a riflettere sulla possibilità di utilizzo dei dati a fini epidemiologici e bontà sua aveva sollecitato ad una riflessione anche l’Azienda Sanitaria Regionale.
Ma, che non esistevano dati statisticamente utili

A tutt’oggi, pare che gli sforzi riflessivi per conoscere  lo stato di salute  dei cittadini non siano approdati a niente, anzi è più corretto dire, che non si è proprio fatto niente.

Anche se allo stato attuale, per l’effetto di una modifica alla legge 833/78 non è più il sindaco a gestire il Servizio Sanitario, ad esso sono rimasti affidati  dal Decreto Legislativo 299/99 (decreto Bindi) i poteri di programmazione, di controllo e di giudizio sull’operato del Direttore generale  dell’ASL.
I compiti ed i poteri del sindaco sono quindi, comunque ampi.
Soprattutto, il Sindaco deve conoscere lo stato di salute della popolazione, deve prendere provvedimenti se le condizioni ambientali sono invivibili, evitare che esistano pericoli incombenti e, per la direttiva Seveso, deve informare la popolazione dei rischi cui è sottoposta.

Non siamo, come Gruppo Segesta Domani Liste Civiche pregiudizialmente contrari:
- alla convocazione di un Consiglio Comunale straordinario per parlare del futuro dell’ospedale di Sestri Levante.
- a richiedere, in tale circostanza, la presenza dell’Assessore Regionale Sonia Viale e dell’ASL4.
Anche se non ci aspettiamo niente di più che giustificazioni di tipo economico e di corrispondenza al bacino di utenza.
Proponiamo un emendamento dell’ordine del giorno, formulando così la richiesta:

Il Consiglio Comunale di Sestri Levante chiede:

al Sindaco e alla Giunta la convocazione di un Consiglio Comunale straordinario con unici punti all’ordine del giorno:
1       La costituzione di una commissione paritetica e a costo zero che
possa avvalersi anche di collaborazioni esterne, onde la stessa
commissione lo ritenesse necessario.

E che tale commissione, sia investita del giusto potere di accesso ai
dati e possa lavorare in stretto rapporto con l’ufficio statistiche con
la Direzione Sanitaria della ASL 4, per l’approntamento dei registri
necessari al  monitoraggio delle condizioni di salute della
popolazione per la definizione di quale struttura
ospedaliera necessitiamo

2       La convocazione dell’Assessore Sonia Viale e del Direttore
Generale dell’ASL4, perché spieghino al C.C. quali sono i propositi
in corso rispetto alla struttura ospedaliera di Sestri Levante.

Siete difronte alla scelta di respingere questa proposta, o di farla vostra,
noi la approveremo.
Ѐ doveroso ricordarvi che se il Sindaco è il responsabile della condizione di salute della popolazione del Suo territorio, il Consiglio Comunale condivide questa responsabilità.

IMG-20161124-WA0001

Quando il Sindaco asserisce che la capacità di scorrimento del traffico nel nuovo percorso è doppia rispetto a quella di via Fascie , non si capisce chi le abbia fornito tali dati. Ogni giorno arrivano testimonianze e foto che la realtà è opposta. I danni alla salute ci sono eccome, solo che saranno evidenti fra alcuni anni e questo Sindaco non sarà più in carica, permettendole così di farsi beffe dei cittadini danneggiati da progetti insensati.  O è un mago?maga sulla scopa

 

 

Ma come è bello travisare la realtà

Leggevo l’articolo: “Grazie per la coda” pubblicato su questo sito e leggevo l’articolo uscito sul Secolo XIX  dell’11 dicembre . Viene spontaneo chiedersi chi travisa completamente la realtà: l’Amministrazione Comunale, nella persona del Sindaco o i cittadini che lamentano continuamente il peggioramento della qualità della vita portando testimonianze fotografiche?

È difficile pensare che i cittadini mentano e rielaborino le foto con photoshop per documentare una realtà che non esiste. Addirittura è diventata un’impresa uscire dai parcheggi o dai passi carrai in determinate vie, come via Dante o via Nazionale. Anche attraversare quelle vie è un terno all’otto. Non parliamo poi dell’attraversamento di via Baden Powell o di via Bozzano!!

Eppure l’articolo dice che va tutto bene, che hanno controllato. Forse lo hanno fatto stando comodamente seduti in uno degli uffici del Comune!!!

Ecco il testo dell’articolo. Qualcuno si è sentito veramente preso in giro!!

Secolo 11-12-2016 intervista

IL “nuovo” mercato del pesce

mercato del pesce 10-11-2016 (3)Il mercato del pesce di giornata di via Pilade Queirolo è stato terminato nel 2008. Una nuova struttura era stata ritenuta molto importante per avere un luogo dove vendere il pescato in ottime situazioni mercato del pesce 10-11-2016 (1)igieniche e che si inserisse anche paesaggisticamente  in quella strada che conduce al porto con splendide ville e palazzi che dominano dall’alto.

La scelta architettonica è risultata subito discutibile, ma pazienza. Quello che stupisce è che il manufatto si sta deteriorando un po’ troppo rapidamente. Non si possono accettare scuse come quelle  che l’acqua lì è usata in abbondanza e che si trova troppo vicino al mare. I costruttori sapevano fin dall’inizio quale era la destinazione d’uso. Che poi fosse vicino al mare era ovvio.

Eppure già da tempo riceviamo segnalazioni sul degrado della struttura e sul fatto che i ferri che armano il cemento stanno fuoriuscendo. Questo vuol dire che il deterioramento sarà sempre più rapido. Avevamo già denunciato il degrado e la pericolosità del muraglione di Sant’Anna, riparato la scorsa estate, ora “segnaliamo” il “nuovo mercato del pesce”


gronde intasate vicino mercato pesce 10-11-2016  chiaraMa nulla viene fatto in genere. Anche la gronda di scolo dell’acqua piovana e che si trova sul retro è ormai forse considerata un’aiuola, mal tenuta perché  piena di aghi di pino e quindi non può assolutamente assolvere al suo scopo. L’acqua piovana tracima dalla gronda “inesistente” colando sul muro. Forse pulirla costerebbe molto meno delle riparazioni che si renderanno necessarie a causa dell’incuria!!!!